L’Incontro Annuale 2022, si è svolto nella Città di Parma, il 13 e il 14 ottobre. All’Incontro hanno partecipato in presenza e da remoto più di 70 Pubbliche Amministrazioni.

Il pomeriggio di giovedì 13 ha visto anche la partecipazione di Mattia Peradotto, Coordinatore dell’UNAR, e del Presidente della Commissione Diritti e Parità della Regione Emilia Romagna Federico Amico.  Ha inoltre inviato un videosaluto  Terry Rintke, Copresidente dell’Intergruppo LGBT del Parlamento Europeo; era presente da remoto alla prima parte dei lavori anche la Vicepresidente dell’Anci Maria Terranova, Sindaca di Termini Imerese.

Le Pubbliche Amministrazioni presenti hanno come di consueto condiviso lo stato dell’arte della Rete:  adesioni, pagine annuali, attivazione della procedura di sospensione per gli Enti inattivi. La Rete oggi conta più di 270 partner.

Molto partecipato e apprezzato dagli Enti presenti l’approfondimento a cura di Giorgio Bozzo, capoprogetto de “Le Radici dell’Orgoglio” un podcast sui cinquantanni di storia del movimento Lgbt+ in Italia, che proprio su questo tema ha portato il suo contributo. Qui il video promozionale del podcast presentato durante l’Incontro.

Due i temi affrontati nella mattinata di venerdì 14: gli strumenti per l’inclusione delle persone T e non binarie nei Servizi degli Enti, con una introduzione della Vicepresidente della Commissione Pari Opportunità del Comune di Milano Monica Romano, ed il riconoscimento dei figli e delle figlie della famiglie omogenitoriali, con una introduzione a cura dell’avvocata dell’Associazione Rete Lenford, Danila Brugnoli.

E’ stato dato ampio spazio al confronto sulle  modalità con le quali già alcune amministrazioni operano su questi due temi molto importanti  e su quali proposte operative siano percorribili dalle Pubbliche Amministrazioni per potenziare interventi sempre più inclusivi ed efficaci sui propri territori. 

Circa un’ora è stata poi dedicata al consueto scambio delle buone pratiche adottate quest’anno dagli Enti sui loro territori, per contrastare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere.

Nel pomeriggio di venerdì 14, durante l’evento pubblico,  è stato presentato  il progetto “PARI, Risorse per l’Inclusione” di UNAR e Formez dedicato alle Pubbliche Amministrazioni. Qui la presentazione del progetto.

Ha suscitato molto interesse l’approfondimento  sulle azioni che gli Enti Locali possono attuare per contrastare i crimini d’odio, in mancanza di una legge nazionale contro l’omolesbobitransfobia, a cura di Angelo Schillaci, Professore associato di Diritto pubblico  comparato nella Facoltà di Giurisprudenza  “Sapienza” Università di Roma, 

Infine Barbara Orlandini e Gianluca Sturman hanno presentato  il loro libro “Ovunque. Esplorazioni cromatiche del mondo queer”, edito da BeccoGiallo.

Qui la registrazione dell’evento pubblico,  trasmesso in diretta sulla pagina facebook della Città di Parma.

Durante l’incontro gli Enti  partner hanno votato per la città che ospiterà l’Incontro Annuale 2023: Prato. 

Sono stati inoltre votati il tema e lo strumento per l’iniziativa comune del 17 maggio 2023: si tratterà di un evento per la cittadinanza volto alla prevenzione del bullismo omolesbobitranfobico nelle scuole.

Il programma dell’incontro